Indietro

Cecità civile e sordomutismo: accertamenti medico-legali

Cecità civile e sordomutismo: accertamenti medico-legali

La legge prevede alcuni benefici a favore di chi è riconosciuto cieco civile o sordomuto. Tali benefici possono essere:

a) di natura economica:

  • per i ciechi civili assoluti: pensione/ assegno integrativo/ indennità di accompagnamento;
  • per i ciechi parziali (cieco con residuo visivo non superiore ad 1/20): pensione/ assegno integrativo/ indennità speciale;
  • per i sordomuti: indennità di comunicazione per il sordomuto minorenne; pensione e indennità di comunicazione per il soggetto che ha compiuto i 18 anni di età;

b) di natura socio-assistenziale:

  • assistenza protesica
  • collocamento mirato al lavoro ex L. 68/99
  • esenzione ticket per le prestazioni di diagnostica clinica e di diagnostica strumentale.

 

La domanda di accertamento deve essere presentata all'Unità Operativa di Medicina Legale dell'Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari di Trento con una delle seguenti modalità:

  • direttamente, nell'Ufficio amministrativo a ciò dedicato
  • per via postale, anche tramite gli Istituti di Patronato ;
  • tramite gli Sportelli periferici della Provincia Autonoma di Trento. La domanda deve essere compilata sull' apposito modulo reperibile presso l'Unità Operativa di Medicina Legale o presso gli Istituti di Patronato, l'Associazione Nazionale Mutilati e Invalidi Civili di Trento e gli Sportelli periferici della Provincia Autonoma di Trento.

Su tale modulo la persona interessata dovrà riportare i propri dati anagrafici, il codice fiscale e il numero telefonico, le motivazioni dell'istanza (invalidità civile e/o collocamento mirato al lavoro ex L. n. 68/98) e fornire le dichiarazioni previste. Inoltre dovrà allegare:

  • un certificato medico in originale
  • redatto in data non antecedente a sei mesi in cui siano attestate le principali patologie invalidanti da cui il cittadino è affetto. Tale certificato medico potrà evidenziare, nel caso di imminente pericolo per la vita della persona, la necessità di anticipare la visita medica e, nel solo caso di in trasportabilità della persona anche a mezzo ambulanza, la necessità di effettuare la visita medica al domicilio della stessa.
  • i cittadini non appartenenti alla Comunità Europea dovranno inoltre allegare la copia autentica della carta di soggiorno o del permesso di soggiorno di durata non inferiore ad 1 anno;
  • i cittadini con cittadinanza non italiana ma appartenenti alla Comunità Europea dovranno inoltre allegare la dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà attestante che la persona ha svolto o svolge attività lavorativa autonoma o subordinata, in Italia o in uno degli Stati membri della Comunità Europea, o attestante che la persona è a carico di un familiare che svolge o ha svolto attività lavorativa autonoma o subordinata in Italia o in uno degli Stati membri della Comunità Europea.

 

 

  • Possono chiedere il riconoscimento dello stato di cecità civile o di sordomutismo tutti i cittadini residenti sul territorio della Provincia di Trento affetti da gravi deficit sensoriali visivi e/o uditivi, purchè tali deficit non siano già stati riconosciuti dipendenti da causa di lavoro, da causa di servizio, da causa di guerra o per i quali non siano state riconosciute le provvidenze economiche previste a favore degli invalidi civili.

    In caso di decesso avvenuto successivamente alla presentazione della domanda per il riconoscimento dell'invalidità civile e prima della effettuazione della visita medica possono presentare domanda i legittimi eredi dei soggetti aventi diritto.

    -

    Destinatari degli interventi economico-assistenziali sono i cittadini affetti da:

    a) ciechi totali :

    -
    • - coloro che sono colpiti dalla mancanza totale della vista in entrambi gli occhi;
    • - coloro che hanno la mera percezione dell'ombra e della luce o del moto della mano in entrambi gli occhi o nell'occhio migliore;
    • - coloro il cui residuo visivo perimetrico binoculare è inferiore al 3 per cento.

    b) ciechi parziali:

    -
    • - coloro che hanno un residuo visivo non superiore ad 1/20 in entrambi gli occhi o nell'occhio migliore, anche con eventuale correzione;
    • - coloro il cui residuo visivo perimetrico binoculare è compreso tra il 3 ed il 10 per cento.

    c) sordomutismo (o sordità pre-linguale): è la condizione di chi è affetto da sordità congenita o acquisita durante l'età evolutiva (da 0 a 12 anni), che renda o abbia reso difficoltoso l'apprendimento del linguaggio parlato.

  • Nessuno
La persona da sottoporre a visita medica viene convocata con lettera nella quale sono indicati giorno, orario e sede della visita stessa.
Ultimo aggiornamento: 10 giu 2015