Indietro

Certificati telematici di malattia

Certificati telematici di malattia

Il servizio di trasmissione telematica dei certificati di malattia è finalizzato a consentire l’invio, da parte dei medici del SSN, dei certificati attestanti l’assenza per malattia per i lavoratori sia del settore privato sia del settore pubblico all’INPS e, per il suo tramite, ai rispettivi datori di lavoro, secondo le modalità stabilite dalla normativa vigente.

Certificato (certificato di malattia INPS): attesta l’incapacità temporanea al lavoro, con l’indicazione della diagnosi e della prognosi.

Attestato di malattia: certificato di malattia senza l’esplicitazione della diagnosi.

Il certificato di malattia e la sua trasmissione telematica viene effettuata sia dai medici in regime di convenzione con il SSN (quali i medici di medicina generale, gli specialisti ambulatoriali) sia dai medici dipendenti del SSN (quali i medici ospedalieri).

Come avviene

Il lavoratore deve:

  • rivolgersi al proprio medico di famiglia o al medico specialista della struttura ospedaliera o ambulatoriale.
  • presentare al medico, nel corso della visita, la propria tessera sanitaria da cui si desume il codice fiscale,
  • specificare l’indirizzo di reperibilità da inserire nel certificato, se diverso da quello di residenza ( o del domicilio abituale);
  • informare il medico sulla tipologia di lavoro svolto.

Il medico:

  • redige il certificato e l’attestato di malattia (quest’ultimo non riporta la diagnosi),
  • invia telematicamente il certificato e l’attestato di malattia all’INPS. Se la trasmissione è andata a buon fine l’INPS invia il numero di protocollo e il certificato si può stampare in automatico;
  • consegna copia del certificato e dell’attestato trasmessi, che riporta il numero di protocollo al lavoratore.

Il datore di lavoro (pubblico e privato) riceve immediatamente dall’INPS le attestazioni di malattia relative ai certificati trasmessi dal sistema.

Il lavoratore deve sempre segnalare tempestivamente al datore di lavoro la propria assenza e l’eventuale indirizzo di reperibilità per i controlli medico fiscali.

 

Se il sistema di trasmissione telematica non funziona oppure se la trasmissione telematica non è possibile (ad esempio visite a domicilio, malfunzionamenti della rete, ecc.) il medico rilascia al lavoratore il certificato e l’attestato in forma cartacea.

Il lavoratore presenta o invia:

  • l’attestazione di malattia (parte senza diagnosi) in forma cartacea al proprio datore di lavoro
  • il certificato di malattia (con diagnosi) - ove previsto - all’INPS, secondo la modalità tradizionali (entro due giorni dal rilascio del certificato)
  • Il certificato di malattia deve essere inviato in modalità online per tutti lavoratori del Settore pubblico e privato.
  • Sono esonerati dall'obbligo i dipendenti della pubblica amministrazione che dispongono di ordinamenti particolari quali: personale delle Forze armate e dei Corpi armati dello stato e del Corpo nazionale dei vigili del fuoco (non si applica ai vigili del fuoco PAT). Per queste categorie i medici compilano i certificati e gli attestati di malattia in formato cartaceo che il lavoratore invia secondo la modalità tradizionali.