Area Cure Primarie

Direttore: Simona Sforzin

L'Area Cure Primarie in base a quanto previsto dagli specifici livelli essenziali di assistenza (LEA) organizza servizi e prestazioni erogabili nelle strutture ambulatoriali e/o al domicilio dei residenti in Provincia di Trento secondo criteri di appropriatezza, efficacia ed efficienza.

In particolare i servizi e le prestazioni erogate sono:

Assistenza primaria (medici di medicina generale, pediatria di libera scelta, continuità assistenziale - guardia medica, medicina turistica).

Assistenza infermieristica ambulatoriale e domiciliare: forma assistenziale che prevede interventi ambulatoriali e/o domiciliari, quali medicazioni, prelievi di sangue, educazione sanitaria, educazione alla gestione della patologia, punture e fleboclisi, effettuati dall'infermiere previa prescrizione del medico curante.

Assistenza domiciliare programmata (ADP): programma di assistenza attuato dal medico di famiglia ai pazienti non deambulanti assistibili a domicilio con visite programmate periodiche del medico di medicina generale e/o dell'infermiere.

Assistenza domiciliare integrata (ADI): forma assistenziale finalizzata al mantenimento al domicilio di malati in alternativa al ricovero ospedaliero e alla residenza sanitaria. Richiede un programma di assistenza integrato tra le diverse figure professionali: medico di famiglia, infermiere, eventualmente assistente sociale e domiciliare, medico specialista secondo un piano assistenziale individualizzato definito e concordato con il paziente/famiglia. Il medico di medicina generale è il responsabile clinico di tale forma assistenziale.

Punto unico di accesso (PUA): modello organizzativo integrato tra servizi sanitari e sociali finalizzato a garantire ai cittadini in situazioni complesse di particolare fragilità una presa in carico dei bisogni sostenibile sul territorio.

Unità valutativa multidisciplinare (UVM): attraverso una valutazione multidimensionale del bisogno socio-sanitario definisce un piano assistenziale adeguato alle esigenze dell'utente/famiglia. Il piano può prevedere l'accesso alle RSA (Residenze Sanitarie Assistenziali), centri diurni, ADI (Assistenza Domiciliare Integrata) o altri servizi del territorio.

Assistenza specialistica ambulatoriale: prestazioni ambulatoriali nelle varie branche specialistiche attivate nei poliambulatori del distretto.

Consultorio per il singolo, la coppia e la famiglia: struttura organizzativa che assicura interventi socio-sanitari alle donne, ai minori e alle famiglie. Servizio di alcologia: attività rivolta a persone/famiglie con dipendenza da alcol, fumo e gioco d'azzardo.

Ultimo aggiornamento: 06 feb 2017