piattaforma segnalazioni whistleblowing

piattaforma segnalazioni whistleblowing

 

 

L’articolo 54bis del Decreto legislativo 30 marzo 2001, n.165, introdotto dalla Legge Anticorruzione n.190/2012 e poi modificato dalla Legge n.179/2017, introduce le “Disposizioni per la tutela degli autori di segnalazioni di reati o irregolarità di cui siano venuti a conoscenza nell’ambito di un rapporto di lavoro pubblico o privato”, il cosiddetto whistleblowing.
In particolare, il comma 5 dispone che, in base alle nuove linee guida di ANAC, le procedure per il whistleblowing debbano avere caratteristiche precise. In particolare “prevedono l’utilizzo di modalità anche informatiche e promuovono il ricorso a strumenti di crittografia per garantire la riservatezza dell’identità del segnalante e per il contenuto delle segnalazioni e della relativa documentazione”.

L’Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia Autonoma di Trento ha aderito con delibera DG n. 12/2019 al progetto WhistleblowingPA di Transparency International Italia e del Centro Hermes per la Trasparenza e i Diritti Umani e Digitali adottando la piattaforma informatica prevista per adempiere agli obblighi normativi, in quanto ritiene importante dotarsi di uno strumento sicuro per le segnalazioni.

La piattaforma si basa sul software opensource Globaleaks che rende IMPOSSIBILE RINTRACCIARE L'ORIGINE DELLA SEGNALAZIONE.

Elemento innovativo è l’assegnazione di un codice alfanumerico che permette al segnalante di verificare successivamente lo stato di avanzamento e, soprattutto, di DIALOGARE E SCAMBIARE MESSAGGI o per trasmettere eventuali informazioni aggiuntive IN MANIERA TOTALMENTE ANONIMA con il Responsabile per la prevenzione della corruzione.

Le caratteristiche della piattaforma sono le seguenti:

  • la segnalazione viene fatta attraverso la compilazione di un questionario e può essere inviata in forma anonima. Se anonima, sarà presa in carico solo se adeguatamente circostanziata;

  • alla segnalazione ha accesso solo il Responsabile per la Prevenzione della Corruzione (RPC) che la gestisce mantenendo il dovere di confidenzialità, riservatezza e tutela dell’anonimato nel caso in cui la segnalazione sia nominativa;

  • nel momento dell’invio della segnalazione, il segnalante riceve un codice numerico di 16 cifre che deve conservare per poter accedere nuovamente alla segnalazione e dialogare con il Responsabile per la prevenzione della corruzioneper eventuali integrazioni o richieste di approfondimenti;

  • la segnalazione può essere fatta da qualsiasi dispositivo digitale (pc, tablet, smartphone). La tutela dell’anonimato è garantita in ogni circostanza nel rispetto di quanto previsto dalla Legge.

  • Nell'area documenti della pagina è disponibile la procedura per la tutela dei whistlebloving e altra documentazione in materia.

      Per inviare una segnalazione: https://apss.whistleblowing.it/

 

 

                         INFORMATIVA AI SENSI DELL'ART. 13 DEL REGOLAMENTO (UE) 2016/679 SUL TRATTAMENTO

                       DEI DATI PERSONALI DEI SOGGETTI CHE SEGNALANO ILLECITI (ART. 54-BIS D.LGS. N. 165/2001) 

                                                                         AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI

                                                                             DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

                                                                                       Via Degasperi, 79 – 38123 Trento

Il trattamento dei dati personali è improntato al rispetto della normativa in materia di privacy e, in particolare, ai principi di correttezza, liceità e trasparenza, di limitazione della conservazione, nonché di minimizzazione dei dati in conformità agli artt. 5 e 25 del Regolamento UE 2016/679 (“Regolamento”). Ai sensi del Regolamento, nella presente informativa sono riportate le indicazioni dell’Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari (“APSS”) relative al trattamento dei dati personali per le finalità di seguito indicate.

TITOLARE DEL TRATTAMENTO

Il titolare del trattamento dei dati personali è l’APSS con sede in Trento, Via Degasperi 79 – 38123 Trento apss@pec.apss.tn.it

RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI

Il Responsabile della protezione dei dati personali, a cui gli interessati possono rivolgersi per le questioni relative al trattamento dei propri dati personali, è contattabile al seguente indirizzo: Via Degasperi, 79 – 38123 Trento, tel. 0461/904154 eMail ResponsabileProtezioneDati@apss.tn.it

NATURA DEL CONFERIMENTO E CONSEGUENZE DEL MANCATO CONFERIMENTO

Il conferimento dei dati personali per la finalità sopra indicata è facoltativo, non esiste cioè alcun obbligo in quanto i fatti segnalati, se ben circostanziati, saranno presi in considerazione anche in caso di segnalazione anonima. 

BASE GIURIDICA DEL TRATTAMENTO

I dati personali sono trattati dal Responsabile della prevenzione della corruzione nell'esecuzione dei propri compiti di interesse pubblico o comunque connessi all'esercizio dei propri pubblici poteri, con particolare riferimento al compito di accertare eventuali illeciti denunciati nell’interesse pubblico e dell’integrità dell’Ente, ai sensi dell’art. 54-bis del d.lgs. n. 165/2001, dai soggetti che, in ragione del proprio rapporto di lavoro presso l’Ente, o presso ditte fornitrici, vengano a conoscenza di condotte illecite.

TIPI DI DATI TRATTATI E FINALITÀ DEL TRATTAMENTO

I dati forniti dal segnalante al fine di rappresentare le presunte condotte illecite delle quali sia venuto a conoscenza in ragione del proprio rapporto di servizio con l’APSS commesse dai soggetti che a vario titolo interagiscono con la medesima, vengono trattati allo scopo di effettuare le necessarie attività istruttorie volte a verificare la fondatezza del fatto oggetto di segnalazione e l’adozione dei conseguenti provvedimenti. La gestione e la preliminare verifica sulla fondatezza delle circostanze rappresentate nella segnalazione sono affidate al RPCT che vi provvede nel rispetto dei principi di imparzialità e riservatezza effettuando ogni attività ritenuta opportuna. Qualora, all’esito della verifica, si ravvisino elementi di non manifesta infondatezza del fatto segnalato, il Responsabile provvederà a trasmettere l’esito dell’accertamento per approfondimenti istruttori o per l’adozione dei provvedimenti di competenza in relazione ai profili di illiceità riscontrati (dirigente della struttura cui è ascrivibile il fatto; Direttore Generale, componenti Consiglio di direzione, Ufficio Procedimenti Disciplinari; Autorità giudiziaria; Corte dei conti; ANAC).

DESTINATARI DEI DATI

I dati personali raccolti sono altresì trattati dal RPC o da altro personale specificamente individuato, che agisce sulla base di specifiche istruzioni fornite in ordine a finalità e modalità del trattamento medesimo.

Sono destinatari dei dati raccolti a seguito della segnalazione, l’Autorità Giudiziaria, la Corte dei conti e l’ANAC nei casi e nei limiti previsti dall’art.54 bis del d.lgs 165/2001.

Whistleblowing Solutions Impresa Sociale S.r.l. con sede in Viale Aretusa, 34, 20129, Milano, quale fornitore del servizio di erogazione e gestione operativa della piattaforma tecnologica di digital whistleblowing è stata designata Responsabile del trattamento ai sensi dell’art. 28 del Regolamento UE 2016/679. Whistleblowing Solutions è il partner tecnologico selezionato da Transparency International e l’Associazione Hermes promotori del progetto Whistleblowing PA al quale APSS ha aderito con delibera del DG n. 12/2019.

MODALITÀ DEL TRATTAMENTO

Il trattamento dei dati avverrà, nel rispetto delle disposizioni previste dal Regolamento, mediante strumenti cartacei, informatici e telematici, con logiche strettamente correlate alle finalità indicate e, comunque, con modalità idonee a garantirne la sicurezza e la riservatezza in conformità alle disposizioni previste dall’articolo 32 del Regolamento. I dati saranno trattati con logiche atte a garantire la riservatezza, l’integrità e la disponibilità dei dati stessi, e quindi con l'utilizzo di protocolli di comunicazione sicuri e di tecniche idonee alla protezione dei dati.

PERIODO DI CONSERVAZIONE DEI DATI PERSONALI

I dati personali saranno conservati per una arco di tempo non superiore al conseguimento delle finalità per le quali sono trattati. I dati relativi alle segnalazioni inviate sulla piattaforma di whistleblowing saranno conservati per un totale di 18 (diciotto) mesi, oltre i quali saranno automaticamente cancellati.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di ottenere dall’Ente, nei casi previsti, l'accesso ai propri dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. del Regolamento). L'apposita istanza va presentata al Responsabile per la protezione dei dati contattando il medesimo al seguente indirizzo: Via Degasperi, 79 – 38123 Trento, tel. 0461/904154 e-mail ResponsabileProtezioneDati@apss.tn.it

DIRITTO DI RECLAMO

Gli interessati i quali ritengono che il trattamento dei dati personali a loro riferiti avvenga in violazione di quanto previsto dal Regolamento UE 2016/679, hanno il diritto di proporre reclamo, come previsto dall'art. 77 del Regolamento stesso, o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79 del Regolamento) presso possono ottenersi dall’Autorità nazionale competente per la tutela dei dati personali www.garanteprivacy.it