Indietro

C’è un tempo per ogni cosa, quello della prevenzione è ora

C’è un tempo per ogni cosa, quello della prevenzione è ora

30/01/2018

«C’è un tempo per ogni cosa, quello della prevenzione è ora». Con questo slogan l’Azienda provinciale per i servizi sanitari invita le donne e gli uomini trentini ad aderire ai programmi di screening per la prevenzione dei tumori e a rispondere alle lettere di invito per effettuare gli esami gratuiti. Gli screening permettono di intercettare la malattia prima che si manifesti, consentendo così di affrontarla con trattamenti che garantiscono maggiore efficacia e meno effetti collaterali.

Screening del tumore del collo dell’utero
Donne tra i 25 e i 64 anni: Pap test o HPV test a seconda dell’età

Il Pap test e l’HPV test rappresentano i metodi più efficaci per la prevenzione del tumore del collo dell’utero. Sono esami che si eseguono in ambulatorio con un prelievo ginecologico.L’HPV test ricerca il papillomavirus umano, un virus che può portare allo sviluppo di tumore. Il Pap test indaga le alterazioni delle cellule della cervice dell’utero che possono essere segno di un tumore o di un suo precursore. Per entrambi i test, se il risultato è normale, si verrà invitate dall’Azienda provinciale per i servizi sanitari a ripetere l’esame dopo 3 anni (Pap test) o dopo 5 anni (HPV test). Altrimenti, se i test rilevano la presenza del virus o di cellule alterate, si verrà contattate per eseguire ulteriori accertamenti.

Screening del tumore del seno
Donne tra i 50 e i 69 anni

La mammografia è il più efficace strumento di diagnosi precoce per la lotta al tumore al seno. Viene eseguita con un particolare apparecchio radiologico che è in grado di identificare alterazioni, anche minime, che potrebbero essere causate da un tumore in fase iniziale. In caso di esame normale si riceverà l’invito a ripetere la mammografia dopo due anni, altrimenti si verrà contattati dall’Azienda provinciale per i servizi sanitari per ulteriori approfondimenti.

Screening del tumore del colon retto 
Uomini e donne tra i 50 e i 69 anni

Questo screening ha l’obiettivo di identificare precocemente il tumore del colon retto e i suoi precursori attraverso la ricerca del sangue occulto nelle feci. È un esame molto semplice che non richiede diete particolari e che si effettua a casa propria, utilizzando un kit distribuito gratuitamente. In caso di risultato normale, si verrà invitati a ripeterlo dopo due anni. Se l’esame rileverà la presenza di sangue, si verrà contattati per eseguire una colonscopia, un approfondimento diagnostico più specifico.